Claddagh.  Amicizia, Lealtà, Amore.  Il Claddagh è un simbolo di origine irlandese che rappresenta l'amicizia, la lealtà e l'amore.  Sull'origine del simbolo esistono diverse storie...una di queste racconta di un principe che si innamorò di una semplice popolana.  Per convincere il padre della giovane che i suoi sentimenti erano genuini, e che non aveva intenzione di prendersi gioco di lei, il Principe fece forgiare un anello dove erano raffigurate due mani a rappresentare l'amicizia, una corona a simboleggiare la sua devozione, ed un cuore come segno d'amore.  Si propose alla fanciulla con questo anello, ed il padre, dopo aver ascoltato la spiegazione del simbolismo celato nell'oggetto, diede la sua benedizione per il matrimonio.  Il cuore simboleggia l'Amore, il sentimento più profondo dell'uomo. Da esso fluiscono compassione e generosità.  La corona simboleggia la lealtà, frutto dell'Amore, della più alta emanazione dello spirito umano.  Le mani dell'amicizia sorreggono il cuore con delicatezza, nell'atto di donarlo, ma sono allo stesso tempo forti e protettive, come l'amicizia.

 

Corona.  Tatuaggio Corona .  La sua forma circolare simboleggia la perfezione.  E’ un simbolo autoritario, di dominio. La corona e’ un tatuaggio narcisistico, con il suo fascino…che sia corona di re o regina viene tatuato di medie dimensioni cosichè si può valorizzarne i particolari.  Come tatuaggio rende sicuramente meglio colorato e che piace ad entrambi i sessi; la corona e’ un tatuaggio elegante ma piuttosto impegnativo ed originale.. Significato Tatuaggio Corona:  Il tatuaggio corona è da sempre simbolo di regalità. leadership e autocontrollo.Ma anche eleganza, intelletto, potere e perfezione, importanza. Spesso viene associata con una scritta con un nome. 

Ali angelo - Ancora - Angelo - Ankh - Bastone di Asclepio - Bio Hazard - Cane - Ciliegia - Claddagh - Corona - Corvo - Crisantemo giapponese - Croce - Croce di Malta - Croce russa - Cuore

Le ali tatuate sono un classico. Le ali di angelo simboleggiano la protezione divina. Spesso si possono infatti tauaggi di croci con ali. Le ali tatuate esteticamente sono uno dei tatuaggi più belli di sempre.
Per conoscere il significato del tatuaggio, scegliere di seguito il nome del soggetto e cliccarci sopra. Procedere cliccando sulle lettere per visualizzare i significati dei tatuaggi presenti nelle pagine seguenti. Buona navigazione !

Cane .Fedeltà, lealtà, protezione e custodia. Il cane, discendente del lupo, è da tempi antichissimi fedele amico dell'uomo, sempre pronto ad accorrere in aiuto del padrone, per il quale è disposto a rinunciare anche alla propria vita.  Quasi sempre il cane è quindi simbolo positivo, rappresenta lealtà e fedeltà, è protettore e custode per eccellenza.  Nella mitologia, quando Ulisse torna in patria, il fedele cane Argo è l'unico a riconoscerlo, prima di morire.  Nella Divina Commedia di Dante, a guardia delle porte degli inferi troviamo un cane a tre teste.  Gli antichi romani amavano molto i cani, di questo periodo è infatti il celebre motto "Cave Canem": Attenti al Cane.  Presso gli antichi egizi il cane era animale sacro (il dio Anubi aveva la testa di un cane, presiedeva alle cerimonie funebri e custodiva il defunto) e come il gatto aveva l'onore di essere mummificato dopo la morte.

 

Corvo.  Messaggero degli Dei, Lato Oscuro.  Il Corvo viene spesso utilizzato come metafora del lato oscuro della psiche umana, assumendo quindi una valenza negativa.  Come per ogni simbolo che si rispetti, però, a fare da contro altare a questa veduta ci sono numerose altre interpretazioni.  In Cina ed in Giappone il corvo simboleggia l'affetto familiare, e nella mitologia i tengu, spiriti dispettosi ma anche saggi e dispensatori di insegnamenti, assumono spesso l'aspetto di corvi quando si avvicinano agli umani.  E' curioso notare come anche le popolazioni della costa nordoccidentale del Pacifico avessero una concezione del Corvo molto simile a quella giapponese del tengu.  Anche in questo caso il noto rapace è una creatura dai poteri sovrannaturali, dotata della capacità di trasformarsi, dispettosa ed ingannevole ma alla fine dispensatrice di insegnamenti ed artefice della pioggia e della pesca del salmone.  Nella Bibbia il corvo rappresenta la chiaroveggenza.  Nella tradizione nordica assume il ruolo di messaggero degli dei, ed al pari delle Valchirie ha il compito di accompagnare le anime dei defunti nell'aldilà. 

Con l'ancora siamo nei tattoo old school. Fa parte della vecchia scuola dei tatuaggi, uno dei simboli preferiti dai marinai. Simboleggia la speranza, la salvezza e la sicurezza. L'ancora, a causa della sua grande importanza, era cosiderata nei tempi antichi come simbolo di salvezza. Il Cristianesimo adottò l'ancora anche come simbolo di speranza per l'esistenza futura. La speranza è ancora dello spirito, sicura e ferma. Sant Ambrogio scriveva : " Come l'ancora gettata in mare protegge la nave dall'essere trascinata via e la tiene salda nella sua posizione, così la speranza tirne salda e rinforza la fede " .

Secondo la tradizione gli angeli non hanno un corpo fisico , sono fatti di puro spirito e vengono chiamati Esseri di Luce. Nelle storie più antiche, nelle loro apparizioni assunsero forma umans. Secondo la Bibbia, gradualmente questi Esseri di Luce hanno assunto una forma umana che corrisponde alla natura della missione a cui sono stati affidati. L'angelo tattoo lo troviamo in due versioni: la raffigurazione classica che viene rappresentata in forma umana, oppure semplificato nell'elemento che lo identifica come ad esempio, un paio d'ali, quasi sempre tatuate sulla schiena. Le ali d'angelo sono molto tatuate. Le parti più tatuate sono la schiena bassa per le ragazze e quella alta per i ragazzi. L'angelo tatuato ha deversi significati ; se considerato come messaggero, un  essere spirituale che serve il Signore, può indicare senso di spirito libero. Può ricordare la morte di qualcuno o il legame a qualche cosa.
Ciliegia.  La ciliegia è sicuramente uno dei tatuaggi piu apprezzati dalle donne, fa parte dei tatuaggi old school. Spesso viene raffigurata in coppia.Il suo colore accesso e brillante si adatta a qualsiasi parte del corpo.La ciliegia, rossa, piena e succosa, si carica di valenze sessuali ed è simbolo della purezza e della castità che vengono perdute quando questo frutto viene colto dal ramo.  Significato Tatuaggio Ciliegia  La ciliegia rappresenta la perdita dell’ innocenza, la bellezza, l’ amore e la passione.Una ciliegia tra le fiamme intende un desiderio travolgente … impossibile da sopprimere.E l’ immagine della ciliegia assaggiata rappresenta la perdita dell’ innocenza e della verginità.Nella cultura asiatica la ciliega rappresenta l universo femminile, la sensualità, e la delicatezza delle donne.Per i cinesi simboleggia l’ amore. Per i Giapponesi invece è un insieme tra amore e guerra perchè riportano ai fiori di ciliegio simbolo dei samurai. 

BioHazard  Il simbolo di rischio biologico (biohazard) è un tatuaggio piuttosto diffuso, in parte per la sua intrigante forma grafica, in parte per quello che rappresenta.  E' riconosciuto, a livello internazionale, come indicatore della presenza di materiale biologicamente pericoloso per gli esseri umani.  Il simbolo fu sviluppato negli anni sessanta dal Gruppo Dow Chemicals Biohazards Research and Development su richiesta del National Cancer Institute (NCI).  Dopo una serie di studi, prove e disegni, si arrivò al simbolo che oggi tutti conosciamo, che soddisfaceva i requisiti fondamentali richiesti:

1) Doveva avere un aspetto che attirasse l'attenzione

2) Doveva avere una forma ben definita e non ambigua

3) Doveva essere di facile riconoscibilità e facile da memorizzare

4) Semplice nel disegno

5) Simmetrico in modo da poter essere di identico aspetto da diverse angolazioni

6) Accettabile da parte di una grande varietà di etnie.

E' ovvio come, nella maggior parte dei casi, questo simbolo viene tatuato con una spiccata valenza ironica.

 

L’ Ankh simboleggia: la vita, la forza vitale, l’ immortalità e la forza dell’ universo.
E’ un simbolo egiziano e con l’ Occhio di Horus fa parte deisimboli egiziani piu tatuati.
Si pensa che il disegno combini i simboli del maschio e della femmina.

Come geroglifico compare comunque sempre associato al concetto di vita / forza vitale. Con l’andare del tempo, diventa simbolo di vita ed immortalità, dell’universo, della forza della vita, dell’acqua e della terra.
Nelle raffigurazioni spesso le divinità davano la vita toccando il ricevente con il simbolo dell’Ankh che tra l’altro era portato dagli antichi egizi anche come amuleto, da solo o accompagnato dai geroglifici della Forza e della Salute. La forma di chiave del disegno alimentò anche la credenza che l’Ankh potesse aprire i cancelli dell’Aldilà.
I Cristiani Copti adottarono l’Ankh come simbolo di vita dopo la morte. Frequentemente compare anche in rituali magici e curiosamente sembra anche l’unione della figura del crocefisso con quella del pesce.
Nell’ antica Roma un simbolo molto simile rappresentava la dea Venere ed era associato al ventre femminile.

Rinascita, Fertilità, Scienze Mediche .Il Bastone di Asclepio è un antico simbolo greco associato alla medicina. Raffigura un serpente avvolto intorno ad un bastone. Asclepio era il dio della salute nell'antica Grecia. Gli antichi Romani lo latinizzarono in Esculapio. Il Bastone di Asclepio simboleggia le arti mediche:

- il serpente rappresenta la rinascita e la fertilità (poiché è in grado di rigenerare la propria pelle liberandosi di quella vecchia)

- la verga rappresenta lo strumento tramite il quale l'arte viene esercitata.

Alcuni storici pensano che il simbolo rappresentasse originariamente un "verme" attorciliato attorno ad un bastone; vermi parassiti come il "verme della Guinea" (Dracunculus medinensis) erano comuni nei tempi antichi, e si estraevano da sotto la pelle con l'aiuto di un bastoncino al quale si facevano lentamente arrotolare. È possibile che i medici abbiano ideato il disegno del verme attorciliato attorno al bastone per pubblicizzare la loro attività.

Il Bastone di Asclepio (da non confondersi con il Caduceo) è usato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, come simbolo internazionale di soccorso ed è il simbolo dellaAssociazione Medica Americana.

Un simbolo simile, Nehushtan, è menzionato nella Bibbia per essere stato utilizzato per la guarigione dal morso del serpente.

 

Crisantemo giapponese.  Simbolo della famiglia imperiale, pace, nobiltà (d'animo) e longevità.  Il crisantemo Giapponese è un fiore molto importante nella società nipponica, esso rappresenta quattro punti cardini della cultura del sol levante, diversamente da quello che può rappresentare in una società come la nostra, considerando che da noi non è altro che "il fiore dei morti!" Per capire l'importanza di tale splendido e molto complesso fiore basta spostarsi a Tokyo (capitale del Giappone) e più precisamente nel tempio shintoista di Yasukuni, dove troverete il crisantemo stilizzato a sedici petali intarsiato nel legno, nella pietra e negli stendardi all'ingresso del tempio stesso.  La sua origine pare risalga all’ottantaduesimo imperatore, Gotoba Tenno (1183-1198), che amava molto il crisantemo e lo adottò come emblema sui suoi abiti e sui suoi beni. Sicuramente non è un fiore di origine Giapponese, ma cinese. In cina viene coltivato fin da tempi antichissimi e da sempre molto ben apprezzato anche se subordinato alla più stimata PEONIA, si pensa che diventò predominante nel periodo della dinastia Sung meridionale (1127-1279).  Ritornando al sol levante, possiamo ancora aggiungere che il crisantemo è molto apprezzato dalla nobiltà, sia per la credenza che abbia il potere di allungare la vita, visto che viene spesso usato come pianta medicinale, e poi per i suoi bellissimi fiori da contemplare nelle sue forme e sfumature. Nel periodo Heian (epoca della storia giappones e compresa tra l'VIII e il XII secolo (794-1185), che prende il nome dalla capitale del tempo, Heian-kyo, l'attuale Kyōto) la famiglia imperiale introduce l'usanza tipicamente cinese di bere il sakè lasciando macerare dentro dei petali di crisantemo, questo accadde nel periodo della fioritura, il nono giorno del nono mese del calendario lunare.  Probabilmente per questo motivo il nome del crisantemo (usato anche come nome comune di persona Kiku, piuttosto comune sia nel passato sia ai nostri tempi) e il disegno del fiore compaiono ancor oggi nel logo di una famosissima marca di sakè. 
Croce.   La croce tatuata è uno dei simboli religiosi piu tatuati nell occidente. Rappresenta il cattolicesimo e la trinità.La storia parte da una leggenda biblica.   La leggenda iniziò con Adamo che, morendo, mandò in paradiso il figlio Set. per ottenere l’olio della misericordia. L’Arcangelo Michele, invece, gli diede un ramoscello dell’albero della vita per collocarlo nella bocca di Adamo al momento della sua sepoltura (o tre semi secondo un’altra versione). Il ramo crebbe e l’albero venne ritrovato da re Salomone che, durante la costruzione del Tempio di Gerusalemme, ordinò cha l’albero venisse abbattuto ed utilizzato. Gli operai non riuscirono però a trovare una collocazione, perché era sempre o troppo lungo o troppo corto, e quando lo si tagliava a misura giusta in realtà diveniva troppo corto, tanto da non poter essere utilizzato. Gli operai decisero così di gettarlo su un fiume, perché servisse da passerella. La regina di Saba,attraversando il ponte, riconobbe il legno e profetizzò il futuro utilizzo della tavola. Salomone, messo al corrente della profezia, decise di farlo sotterrare. Quando il Cristo fu condannato, la vecchia trave venne ritrovata dagli israeliti ed utilizzata per la costruzione della croce. A questo punto la leggenda inizia a confondersi con la storia. Nel 312, la notte prima della battaglia contro Massenzio, l’imperatore Costantino I ha la mitica visione che porrà fine, anche, alle persecuzioni dei cristiani: una croce luminosa con la scritta “In hoc signo vinces”.L’imperatore decide allora di utilizzare la croce come insegna e il suo esercito vinse la battaglia di Ponte Milvio. 
Croce di Malta.  La Croce di Malta è uno di quei simboli che, nel corso della storia, ha avuto momenti di popolarità e momenti di completa eclissi.  E' anche uno di quei simboli che, con l'andare del tempo, ha assunto significati diversi.  Il nome deriva dall'isola di Malta e, nello specifico, dall'Ordine di San Giovanni (divenuto poi Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta).  L'Ordine di San Giovanni Battista venne fondato a Gerusalemme nel 1099 dalle armate della Prima Crociata, come comunità monastica dedita al soccorso medico ai pellegrini in terra santa.  In un secondo tempo assunse anche a funzione militare per proteggere i malati e le terre conquistate.  Fu Fra Raimondo, secondo capo dell'Ordine, ad introdurre la croce bianca su fondo rosso, il simbolo che viene adottato ancora oggi.  Il fatto che la Croce di Malta si sia diffusa velocemente è testimoniata anche dalla "Angby Stone", una pietra dell'XI° Secolo trovata in Svezia, dove la Croce di Malta compare al centro, circondata da due serpenti che si attorcigliano tra loro e da delle rune.  Nel tatuaggio, è diffusa la Croce di Malta nella forma che divenne popolare nella sua variante usata come decorazione per le milizie europee.  Frederick William III, re di Prussia, istituì l'uso della Croce di Ferro nel 1813 ( Croce di Malta di ferro con bordo in argento ).  Per oltre cento anni, durante i periodi di guerra, la Croce di Ferro venne usata da molti capi tra i quali il più tristemente famoso è certamente Adolf Hitler.  Hitler deliberò che la croce fosse conferita per meriti di coraggio e di capacità strategica di fronte al nemico.  Indipendentemente da tutto, comunque, la Croce di Malta deve parte del suo successo alla piacevole simmetricità della grafica che la contraddistingue, caratteristica che le ha aperto facilmente le porte nel mondo del Tattoo. 
Croce russa.  Il simbolo religioso della croce russa fu usato per la prima volta dagli artisti bizantini.  La barra più corta subito sopra quella principale rappresenta l’iscrizione INRI (Iesus Nazarenus Rex Iudaeorum) posta da Pilato sulla croce di Gesù Cristo.  La piccola diagonale in basso invece rimane in parte avvolta dal mistero, le sue origini si sono infatti perse nei meandri della storia.  Le interpretazioni più plausibili comunque sono le seguenti: Rappresenta la trave dove Gesù appoggiava i piedi, inclinata in seguito al terremoto verificatosi nel momento del trapasso.- Rappresenta la trave dove Gesù appoggiava i piedi, uno dei quali era più in alto dell’altro.- Rappresenta il ladro che era crocefisso alla sua destra e che ascese con lui al regno dei Cieli.- Rappresenta il principale Santo venerato in Russia, Sant’Andrea, che venne crocefisso su di una croce a x (la celebre Croce di Sant’Andrea). 
Cuore.  Amore.  Il tatuaggio del cuore è indubbiamente uno dei più popolari.  Oggi gli innamorati usano tatuarsi un cuore per simboleggiare il loro amore (spesso riportando anche il nome dell'oggetto dei propri sentimenti), ma è bene ricordare che questo tipo di associazione (cuore-amore) non esisteva prima dell'avvento di un certo filone di poesia medioevale.  Per gli Egiziani, il cuore simboleggiava l'intelletto e la volontà umana.  Per gli Aztechi il sole avrebbe perso energia se non fosse stato alimentato dal periodico sacrificio di cuori umani alle divinità.  Ci sono poi altre varianti moderne a questo simbolo ... ad esempio il Sacro Cuore... popolare tra le persone di fede e apripista del tatuaggio religioso, il cuore celtico che nei tatuaggi viene rivisto in accattivanti interpretazioni moderne, al pari di quello in chiave tribale di sicuro impatto visivo.  Cuori spezzati e sanguinanti invece simboleggiano amori che sono finiti male...perché come si usa dire negli Stati Uniti... se l'amore è eterno, un tatuaggio dura comunque sei mesi di più...